Il nuovo appassionato di aerodinamica di Ineos Grenadiers per portare il pensiero della F1 nel ciclismo professionistico

Non è necessario essere un nerd per essere nel ciclismo, ma aiuta.

Questo è sicuramente il caso di Dan Bigham, l’appassionato di aeroplano e detentore del record dell’ora britannico che si è unito a Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers nel ruolo di ingegnere delle prestazioni.

Con una laurea in ingegneria degli sport motoristici ed esperienza di lavoro con il team Mercedes AMG Petronas F1 come aerodinamico, Bigham arriva nel retrobottega di Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers mentre la squadra cerca di tenere le ruote nel nuovo mondo delle corse dei grandi tour.

«Il mio ruolo è quello di applicare efficacemente tutte le conoscenze collettive e la scienza dell’aerodinamica e delle attrezzature della squadra agli atleti, agendo da condotto nel mezzo», ha detto Bigham in un comunicato del team questa settimana.

“Posso parlare nella terminologia del pilota perché corro con una moto, ma posso anche parlare nella terminologia aerodinamica e ingegneristica e posso essere la persona che unisce i due, oltre a lavorare per rispondere alle domande a cui attualmente non abbiamo risposte . Potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa, dall’ottimizzazione della posizione, ai caschi, all’abbigliamento, alla selezione degli pneumatici, alla scelta della pressione degli pneumatici, alle strategie di stimolazione alle scelte del cambio.

Bigham, 30 anni, è l’ultima nuova recluta nell’organico di Ineos Grenadiers mentre cerca di rivendicare il suo posto sul trono del Grand Tour da Tadej Pogačar e Primož Roglič.

Anche il direttore sportivo Roger Hammond e l’ex staff di vela Ben Williams sono stati convocati questo inverno, mentre l’allenatore di lunga data Tim Kerrison è fuori.

Proprio come la Williams porterà abilità dalla vela, Bigham è destinato a portare il cervello dalla sua esperienza in Formula 1. In precedenza ha trascorso del tempo a ottimizzare l’aerodinamica presso Jumbo-Visma, Canyon SRAM e il team di atletica danese, e senza dubbio ha contribuito a comporre il record mondiale dell’ora del suo partner Joss Lowden.

Avere il capo della squadra Dave Brailsford che ora lavora nell’impero sportivo di Ineos significa che Bigham avrà esposizione al grande pensiero della squadra di corse automobilistiche Mercedes.

«Dopo l’investimento di Ineos nel team Mercedes F1 e la collaborazione tra lo sport a Ineos, il team stava già iniziando a imparare come faceva la F1 e ha fatto capire loro che c’erano alcune potenziali lacune nell’ingegneria di gara, l’applicazione delle conoscenze, e anche orientandolo verso l’atleta, spiegando loro perché dovrebbero fare le cose», ha detto.

I test in galleria del vento e la ricerca di componenti e abbigliamento più veloci non sono una novità nel gruppo dei professionisti.

Egan Bernal è già stato impegnato a riordinare la sua cronometro in un laboratorio in Germania mentre spera di domare i pesi massimi del TT Tadej Pogačar e Primož Roglič al Tour de France. Ma Bigham prevede di aumentare ulteriormente la mappatura della pressione della sella, i sensori del corpo e le metriche CdA.

«Ci saranno molte aree diverse che si apriranno man mano che andiamo», ha detto. «Le prove a cronometro apriranno la strada ed è un po’ un gioco da ragazzi perché c’è sempre del lavoro da fare lì, ma speriamo di poter portare la stessa mentalità e approccio anche alle corse su strada».

Bigham ha già iniziato a lavorare con Ineos Grenadiers durante il suo campo di dicembre e continuerà a farlo fino al 2022 mentre gareggerà anche a cronometro e avrà un altro record di corsa all’ora. Dovrà essere sicuro di non dire a Filippo Ganna troppi dei suoi consigli in anticipo.

Add Comment